Archivi Blog

Anziana tenta il suicidio, i carabinieri salvano lei e la sorella caduta per fermarla

L’ambulanza del 118 all’Ospedale “Moscati”

Sfiorata una tragedia in via Minniti. Ieri mattina, i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile e della stazione Taranto Principale sono intervenuti dopo una telefonata al 112, riguardo alla presenza anomala di un’anziana affacciata ad un balcone all’ottavo piano di un palazzo all’angolo di via Minniti con via Japigia.

I carabinieri, giunti nel giro di pochi secondi, rendendosi conto della gravità della situazione e dell’emergenza in cui si sarebbe dovuto lavorare, dopo aver allertato il 118 e i Vigili del Fuoco, sono saliti all’ottavo piano e hanno tentato di sfondare la porta dell’appartamento. Purtroppo l’arduo tentativo non è andato a buon fine perché hanno trovato davanti una porta blindata. Quello che nel frattempo aggravava ancora più la situazione erano i lamenti di un’altra donna che si sentivano dietro la porta. All’interno dell’abitazione, infatti, oltre all’anziana aspirante suicida, c’era la sorella che per cercare di bloccare la coinquilina era caduta e non riusciva più ad alzarsi.

Non c’era tempo da perdere. I carabinieri sono entrati nell’appartamento accanto, collegato a quello interessato attraverso un balcone comunicante e, facendo ingresso nella stanza dalla quale si affaccia il balcone con la portafinestra spalancata, hanno bloccato l’81enne che continuava a passeggiare vicino alla ringhiera, sporgendosi con metà del corpo verso il vuoto.

Giunto il personale del 118, la donna è stata trasportata all’ospedale “Moscati” in cura presso il reparto di psichiatria, mentre la sorella terrorizzata è stata affidata alle cure della figlia giunta nel frattempo sul posto.

Spaccio e contrabbando di sigarette, la polizia arresta due tarantini in via Minniti

Il materiale sequestrato

Andavano in giro sempre insieme, uno spacciava la droga in un circolo ricreativo di via Minniti e l’altro riscuoteva le somme di denaro dell’illecita attività.

La loro attività, però, è stata stoppata bruscamente dai falchi della Questura di Taranto che hanno arrestato i due, si tratta di Saverio Di Bello di 32 anni e Salvatore Basile di 45. I poliziotti avevano notato questo modus operandi già da un po’. In particolare, gli Agenti, avevano notato che Di Bello riscuoteva il denaro dai loro clienti, mentre Basile consegnava la droga e si approvvigionava della sostanza stupefacente facendo rifornimento in casa.

I due sono stati bloccati contemporaneamente dai falchi, il 32enne nel circolo ricreativo e il 45enne in casa.

Addosso a Di Bello i poliziotti hanno trovato un pacchetto di sigarette con all’interno 42 dosi già preconfezionate di hashish pronte allo spaccio e la somma di 220 euro in banconote ritenuta provento dell’illecita attività.

In casa di Basile, invece, trovate altre 165 dosi di hashish contenute all’interno di due pacchetti di sigarette della stessa marca di quello sequestrato al suo complice.

Nel prosieguo della perquisizione, i poliziotti recuperavano anche  un cartone contenete 20 stecche di sigarette di contrabbando.

I due sono stati arrestati e portati in carcere.

Arresto lampo della polizia dopo lo scippo, in manette due giovani

È stato un ispettore della polizia libero dal servizio ad acciuffare uno dei due scippatori che ieri pomeriggio avevano strappato la borsa ad un’anziana in via Minniti. In manette sono così finiti due ventinovenni Danilo Marturano e Daniele Falanga. Il poliziotto ha assistito alla scena e, senza perdersi d’animo, si è lanciato all’inseguimento dei due malviventi fino a Viale Virgilio. L’uomo è riuscito a bloccare Marturano e a recuperare la borsa dell’anziana.

Sul posto sono intervenuti anche gli agenti delle Volanti che hanno portato il giovane in Questura. I poliziotti sono poi riusciti ad individuare l’altro scippatore rintracciandolo nella propria abitazione, Falanga era addirittura agli arresti domiciliari.

I due sono stati dichiarati in arresto. L’autorità giudiziaria ha disposto gli arresti domiciliari per Marturano e il trasferimento in carcere per Falanga.

Solo qualche escoriazione ad una mano, fortunatamente, per l’anziana che è stata soccorsa dagli agenti e dai sanitari del 118.