Archivi Blog

Parenti serpenti ai Tamburi, ladro e complice rubano in casa dello zio e della cugina

20120908-211026.jpg

Ruba a casa dello zio facendo razzia di oro e altri oggetti. È accaduto al quartiere Tamburi dove all’alba due pattuglie di carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Taranto del tenente Pietro Laghezza, durante i servizi di controllo del territorio, hanno notato la finestra di un appartamento al piano terra di uno stabile ai Tamburi con la grata in metallo divelta e il vetro rotto. Immaginando cosa potesse essere accaduto, i militari si sono fermati e hanno iniziato un cauto e attento sopralluogo. L’impressione era che all’interno ci fosse qualcuno e non erano certo i proprietari.
Infatti, sorpresa: entrando proprio dalla finestra rotta, il brigadiere si è trovato faccia a faccia con due giovani che, non pensando a tanto, hanno cercato di darsi alla fuga uscendo dalla porta d’ingresso. Ma anche lì c’erano pronti altri due carabinieri che li hanno bloccati.
Da una perquisizione immediata fatta sul posto, sono stati rinvenuti vari monili in oro di piccole dimensioni che i pregiudicati avevano già nascosto nelle tasche dei pantaloni, mentre in due borsoni avevano preparato gli oggetti da portare via. I ladri sono Ivan Golluscio, 25enne, e Marco Mascaretti, 19enne, entrambi già noti alle forze dell’ordine.
In mattinata, poi, in caserma si è presentata anche la cugina di uno degli arrestati per denunciare il furto nella propria abitazione. Anche in questo caso ad agire sarebbe stato il cugino.
I due topi d’appartamento sono stati arrestati e portati in carcere

Annunci

«Dammi i soldi, da oggi ti proteggo io», rumena rapina connazionale sulla Taranto San Giorgio. La Polizia la ferma

Immagine di repertorio

Avrebbe aggredito e rapinato una sua connazionale con l’intento di farsi consegnare i guadagni fatti sulla strada. È accaduto ieri sulla strada statale che collega Taranto a San Giorgio Jonico. Vittima e carnefice sono due rumene entrambe di 19 anni. La presunta autrice dell’aggressione è stata sottoposta a fermo di polizia giudiziaria proprio poco prima che lasciasse il capoluogo ionico diretta in Francia.

È stata la vittima a denunciare l’accaduto ai poliziotti della Questura di Taranto.

La giovanissima avrebbe raccontato che ieri mattina era stata avvicinata dalla sua connazionale conosciuta qualche mese prima. L’aguzzina, giunta a tutta velocità su un’Alfa Romeo, le aveva imposto la sua protezione pretendendo, allo stesso tempo, tutti i guadagni della ragazza. Alle prime rimostranze della 19enne, la rumena l’avrebbe aggredita con un calcio, tanto da farla cadere dalla sedia, e poi le avrebbe strappato con violenza un anello ed una collanina di oro. Non contenta la rumena le ha portato via anche la borsetta con all’interno 260 euro e un telefonino che avrebbe poi gettato per impedire che la sua connazionale chiedesse aiuto.

L’aguzzina è stata identificata e fermata a poche ore dall’accaduto, la 19enne, trovata proprio nelle vicinanze dell’albergo in cui viveva, era pronta per partire alla volta della Francia.

Ladri in azione a Taranto, la polizia li becca in flagrante

Erano amici del figlio dei proprietari della villa che hanno svaligiato i due ladri arrestati domenica sera

dagli agenti della polizia in via Lago di Como a Taranto.

M.N. di 20 anni e M.E. di 18 avevano pianificato il furto nei minimi dettagli, poco prima di introdursi nella villetta, infatti, avevano chiamato l’amico per accertarsi che in casa non ci fosse nessuno.

I due topi d’appartamento sono stati scoperti dai poliziotti proprio mentre stavano abbandonando l’edificio e stavano per entrare nell’auto, una Nissan Micra, parcheggiata proprio nelle vicinanze. Nelle loro disponibilità sono stati trovati un pc portatile ed alcuni gioielli.

Gli agenti delle Volanti della Questura ionica hanno accertato che i ladri sarebbero entrati da una porta finestra posta sul retro dell’abitazione dopo aver infranto il vetro e avevano fatto man bassa di quanto presente.

Il ventenne ed il diciottenne sono stati posti ai domiciliari, intanto i poliziotti stanno accertando se i due

possano essere anche gli autori di un altro furto, compiuto con le stesse modalità, avvenuto lo scorso 27 aprile.