Archivi Blog

Droga fra i muretti a secco, la polizia arresta in flagrante un manduriano

700 grammi di hashish e 320 di marijuana, è questa la quantità di droga recuperata venerdì sera dagli agenti della Mobile della questura di Taranto e da quelli del Commissariato di Manduria nel corso di un’operazione che ha portato all’arresto di un 20 enne di Manduria.
Il giovane è stato beccato ed ammanettato in un vigneto nelle campagne di Maruggio proprio mentre stava recuperando la droga nascosta in un grosso vaso di vetro nell’intercapedine di un muretto a secco.
In casa del giovane, invece, i poliziotti hanno trovato duemila euro probabile provento dell’attività di spaccio. Il 20 enne è stato arrestato in flagrante.

Annunci

1chilo e 200 grammi di marijuana sotto il sedile dell’auto, in manette due brindisini a Martina Franca

Il carico di droga sequestrato dai carabinieri di Martina Franca

Erano con tutta probabilità due corrieri della droga i due ventitreenni di Ceglie Messapica, in provincia di Brindisi, arrestati venerdì sera dai carabinieri di Martina Franca in località Specchia Tarantina. Si tratta di Oronzo Ciracì e Roberto Vitale entrambi vecchie conoscenze delle forze dell’ordine per guida sotto effetto di sostanze stupefacenti.

I militari della cittadina della Valle d’Itria hanno fermato i due in auto per un posto di controllo. Da subito il loro eccessivo nervosismo ha insospettito i carabinieri che hanno voluto vederci chiaro ed hanno sottoposto i due ragazzi a perquisizione personale e veicolare. E qui la sorpresa: sotto il sedile del passeggero c’erano 1 chilo e duecento grammi di marijuana. La droga era avvolta nel cellophane e rivestita con nastro da imballaggio.

Ora toccherà alle forze dell’ordine capire per chi i due giovani stessero trasportando tutto quel carico e soprattutto il luogo di approvvigionamento.

Torna da Bologna per il ponte con 70 pasticche di ecstasy, 26enne martinese arrestato dai carabinieri

20120425-191306.jpg

Aveva fatto la spesa della droga all’ingrosso a Bologna per poi rivenderla nella sua città d’origine, Martina Franca. Un giovane incensurato di 26 anni è stato arrestato dai carabinieri della Compagnia della cittadina della Valle d’Itria al capolinea degli autobus nell’ambito di un servizio di controllo realizzato in occasione del ponte del 25 aprile e del 1 maggio. I militari hanno identificato dei giovani, fra questi anche il ventiseienne che ha mostrato alcuni segni di nervosismo.
Il martinese è stato portato negli uffici per l’identificazione. Durante la perquisizione personale i carabinieri hanno trovato negli slip 4 confezioni di cellophane con all’interno 70 pasticche di ecstasy e 13 grammi di cristalli della stessa sostanza stupefacente ancora da confezionare. I controlli si sono poi estesi nell’abitazione del ragazzo all’interno della quale sono stati trovati un bilancino di precisione, quasi mezzo chilo di marijuana e il materiale per il confezionamento delle dosi.
Oltre alla droga i militari hanno trovato anche diversi oggetti in argento ritenuti provento di furto: otto vassoi, un porta zucchero, un porta oggetti, una lampada ad olio, quasi tutti marcati Royal Sheffield.
Tutto il materiale è stato sequestrato, il giovane, invece, è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e ricettazione.
Se immessa sul mercato l’ecstasy, hanno chiarito gli investigatori, avrebbe fruttato oltre seimila euro, il triplo di quanto pagata, mentre la marijuana tremila. Le indagini non sono terminate, i carabinieri stanno accertando i canali di approvvigionamento della droga. Non si esclude, infatti, che l’ecstasy acquistata nel capoluogo emiliano arrivasse direttamente dall’Olanda.

20120425-191410.jpg

40 grammi di droga negli slip, arrestato giovane tarantino

Ha passato la Pasqua in cella Mattia Chiochia 23enne tarantino arrestato nella serata di sabato santo dai falchi della Mobile della Questura ionica. Il giovane, fermato per un controllo, nascondeva negli slip 38 grammi di hashish e un grammo e mezzo di marijuana. Il 23enne è stato prima portato in questura e, dopo l’arresto, trasportato in carcere a disposizione dell’autorità giudiziaria.