Buone pratiche e successo internazionale per il progetto di Rigenerazione Urbana “Città Montedoro” presentato alla Fiera di Milano

(FONTE: COMUNICATO STAMPA)

La presentazione del progetto a Milano

Una “best practice” che fa scuola e mostra come quando la politica, l’impresa e il mondo delle professioni lavorano in sincrono ad un obiettivo comune i buoni risultati e le eccellenze riescono a maturare anche al Sud e nella nostra provincia in particolare.

E’ il caso del progetto “Città Montedoro” inserito nel Programma Integrato di Rigenerazione Territoriale (P.O. FESR 2007-2013 Asse VII) che l’Unione dei Comuni omonima e il Comune di Sava hanno progettato e presentato assieme con l’obiettivo di ricreare una sorta di luogo identitario esteso dove rintracciare i segni della socialità e della vita collettiva e comunitaria.

Una esperienza che portata agli onori della cronaca durante il recente Expo Italia Real Estate alla Fiera di Rho a Milano, appone una medaglia di merito sul gonfalone dei Comuni di Carosino, Faggiano, Monteiasi, Montemesola, Monteparano, Raccaforzata, San Giorgio e San Marzano, componenti dell’Unione dei Comuni “Montedoro” e sul Comune di Sava che nel progetto assurge a ruolo di sintesi con la realizzazione di un Centro di Identità e Conoscenza di questa nuova città diffusa.

«Non si tratta di un progetto basato solo sui numeri o sulle volumetrie pure così residuali in un programma di rigenerazione urbana – spiega Antonio Marinaro, dismettendo per un attimo la giacca del presidente dell’ANCE e parlando da imprenditore coinvolto nel progetto – quanto di un modello culturale che guarda alla pietra e alla restituzione del genius loci delle piazze, delle vie e dei centri storici di nove comuni che hanno saputo fare programmazione unendo le loro forze e mirando soprattutto ai talenti, alle professionalità e alle competenze espresse dal territorio».

A Milano il progetto “Città Montedoro”, alla presenza della promotrice indiscussa degli interventi di riqualificazione urbana per la Puglia, l’Assessore regionale Angela Barbanente, è stato riconosciuto come tra i migliori interventi nazionali programmati in tema di rigenerazione territoriale.

Il presidente dell’Unione Montedoro Vito Antonio Punzi

«L’EIRE, vetrina internazionale tra le più importanti del settore in tema di gestione, valorizzazione, sviluppo e riqualificazione dei patrimoni immobiliari pubblici e privati – spiega il Presidente dell’Unione “Montedoro” e Sindaco di Montemesola, Vito Antonio Punzi – è stata l’occasione per presentare un progetto che vista la portata costituirà principale fattore di sviluppo per il territorio coinvolto, considerate anche le sue potenzialità e opportunità di investimento».

Un esempio di buone pratiche anche per i criteri utilizzati nell’aggiudicazione della gara d’appalto.

L’Unione dei Comuni e il Comune di Sava hanno infatti deciso di adottare il sistema dell’offerta economicamente più vantaggiosa.

«Un criterio – spiega Antonio Marinaro – che ha permesso di promuovere la qualità della proposta imprenditoriale, conferendo alle opere il valore aggiunto rappresentato dalle migliorie apportate al progetto. Un modello che andrebbe preso in considerazione anche in altre gare d’appalto che caratterizzano e caratterizzeranno il nostro territorio sempre più “vittima” di stazioni appaltanti, anche pubbliche, affezionate ad una pratica scarsamente qualitativa e qualificativa come quella del massimo ribasso».

Nello specifico il programma “Città Montedoro” riguarderà tutti i centri storici dei comuni coinvolti per un importo totale di circa un milione e 400 mila euro e per interventi che vanno dalla ripavimentazione in basolato all’arredo urbano, dalla riqualificazione di palazzi storici fino a lavori di pubblica illuminazione.

Una città “ideale” che grazie al progetto finanziato da fondi FESR e affidato alla progettazione dello Studio START Associato, riguarderà interventi di riqualificazione e rigenerazione in Piazza Vittorio Emanuele II e alcune vie limitrofe a Carosino, Piazza Vittorio Veneto a Faggiano, Via Regina Margherita e via Grottaglie a Montemesola, Piazza Maria Immacolata a Monteiasi, Piazza Umberto I e area pedonale a San Marzano, Piazza Castello a Roccaforzata, Via XXIV Maggio a Monteperano e molte vie del centro storico di San Giorgio Jonico.

A Sava il programma di rigenerazione urbana riguarderà la realizzazione di Centro di Identità e Conoscenza della Città diffusa di Montedoro, che sarà realizzato intervenendo all’interno di Palazzo Spagnuolo Palma sempre all’interno del centro storico del comune jonico-salentino.

In un contesto generale caratterizzato da gare d’appalto al massimo ribasso e procedure aggiudicate ad imprese e professionisti spesso provenienti da molto lontano, fa dunque notizia il buon esempio di operatività locale.

«L’esperienza di Montedoro – ha spiegato la Barbanente durante il work shop milanese – si può considerare un ottimo esempio nei percorsi di rigenerazione territoriale, di formazione di un processo di apprendimento collettivo e di sinergia tra l’Unione e i suoi abitanti».

Annunci

Pubblicato il 26 giugno 2012, in Economia, Politica, Provincia con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: