Litiga con l’ex genero e gli spara. In carcere 53enne per tentato omicidio

Il luogo del ferimento

Avrebbe esploso quattro colpi di pistola contro il genero al termine di un diverbio. È accaduto ieri sera al quartiere Paolo VI. La vittima, Nicola Capozza di 31 anni, si sarebbe presentata alla stazione Taranto Nord dei carabinieri con una ferita alla tempia raccontando di essere stato raggiunto da un colpo di arma da fuoco dopo un diverbio col suocero avvenuto in via Bruno Buozzi.

L’uomo è stato immediatamente trasportato al Santissima Annunziata, contemporaneamente gli uomini dell’arma si sono messi al lavoro per fare luce sulla vicenda. I rilievi dei militari del Nucleo Investigativo e quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Taranto hanno permesso di verificare che, proprio in via Buozzi, erano stati sparati quattro colpi di calibro 6,35. I bossoli, infatti, erano lungo la strada. Sempre a terra anche un orologio da polso che non apparteneva alla vittima. I carabinieri si sono subito messi alla ricerca del presunto aggressore, Filippo Solario 53enne tarantino. L’uomo è stato trovato dopo diverso tempo vicino l’abitazione della suocera sempre al quartiere Paolo VI.

Solario in un primo momento avrebbe ammesso di aver litigato col genero ma avrebbe anche negato di aver utilizzato l’arma da fuoco. Incalzato dagli investigatori che hanno messo in relazione il ritrovamento del suo orologio proprio nel luogo in cui erano stati rinvenuti i bossoli, l’uomo avrebbe confessato alla presenza del suo avvocato e del Pm Ida Perrone, di aver esploso i colpi di arma da fuoco contro il genero.

Solario avrebbe anche raccontato di essere esasperato dei continui litigi che aveva con Capozza, suo ex genero ormai da qualche mese, da quando cioè il 31enne aveva lasciato la figlia. L’esasperazione, dunque, lo aveva portato a procurarsi una pistola con il solo scopo di intimidire l’uomo e farlo desistere dai continui litigi. L’ira e la concitazione hanno poi preso il sopravvento. Medicato al pronto soccorso del nosocomio ionico, Capozza ha riportato una ferita alla tempia sinistra, se la caverà in 20 giorni.

L’ex suocero, invece, è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio, ricettazione e porto abusivo di arma da fuoco.

 

Annunci

Pubblicato il 19 aprile 2012, in Cronaca con tag , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: