Rapine e furti di luce, rumeni arrestati e denunciati dalla polizia

Tre rumeni arrestati per rapina ed altri undici denunciati per furto di energia elettrica. Gran lavoro per i poliziotti della questura di Taranto che hanno portato a termine l’ennesima operazione. undici loro connazionali denunciati per furto aggravato di energia elettrica. Gli agenti, nell’ambito di attività antirapina hanno fermatoun rumeno, Ciprian Laurentiu Pandel per rapina e lesioni ai danni di una ragazza tarantina e Virgil Stanescu, di 29 annie Amalia Cobzariu di 26, per rapina e lesioni in concorso tra loro, ai danni di una loro connazionale. Le rapine si sarebbero verificate il 17 ed il 18 marzo.
Contestualmente ai fermi, i poliziotti hanno effettuato un controllo in uno stabile di via Capecelatro, occupato da diversi nuclei familiari di cittadini rumeni, identificando 27 adulti.
L’operazione è scaturita dopo le due rapine: la prima avvenuta il 17 marzo quando in via Capecelatro, poco dopo la mezzanotte, una ragazza era stata strattonata da Pandel che, nell’occasione le aveva portato via la borsa che conteneva soldi, documenti e un telefonino. La giovane, presentando denuncia in questura, aveva descritto il suo aggressore riconoscendo anche l’accento straniero.
Il giorno dopo si era poi consumata un’altra rapina ai danni di una rumena nei pressi della Concattedrale. La donna era stata avvicinata da Stanescu e dalla Cobzariu e picchiata costretta a consegnare quanto in suo possesso: 36 euro.
Fondamentali per gli investigatori sono risultati gli elementi acquisiti da quest’ultima vittima per individuare la comunità di via Capecelatro. Infatti, durante il controllo nello stabile sono stati trovati i tre arrestati.
Durante i controlli è emerso che per illuminare le abitazioni erano stati fatti dei pericolosi allacci abusivi alle cassette elettriche dell’Enel.
Undici dei rumeni identificati sono stati denunciati per furto di energia elettrica e colpiti da un decreto di allontanamento dal territorio nazionale.

Annunci

Pubblicato il 24 marzo 2012, in Cronaca con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: