La Finanza a tutela dell’ambiente sequestra due aree a Faggiano

20120323-125317.jpg

Bomba ecologica a Faggiano, in provincia di Taranto. 2 capannoni con oltre 300 tonnellate di rifiuti speciali, 58 tonnellate di plastica, abbandonati su due aree di 4mila metri quadri, è questo lo scempio trovato dalle Fiamme Gialle ioniche nelle campagne faggianesi.
Gli uomini del Nucleo di Polizia Tributaria hanno eseguito il sequestro a tutela dell’ambiente e della salute pubblica. Le verifiche hanno permesso di individuare il titolare dell’impianto, gestito da 2 società.
Nell’area erano stati sversati rifiuti plastici come teli agricoli, tubi e materiali per irrigazione, cassette per ortofrutta agroalimentari, vasi, bobine e quant’altro. L’impianto, privo di un adeguato sistema di canalizzazione e raccolta delle acque reflue, è stato quindi sequestrato. Nel particolare i sigilli sono stati posti alle due aree di quattromila metriquadri e ai due capannoni per mille metriquadri. Sequestrata poi plastica per oltre 300 tonnellate, 70 chili di oli esausti residui e, ancora, attrezzature e mezzi aziendali. Denunciati infine i rappresentanti legali delle due società.

Annunci

Pubblicato il 23 marzo 2012, in Cronaca con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: