Rapine mordi e fuggi in provincia, i Carabinieri non abbassano la guardia

Hanno rapinato il supermercato Europa Europa di Crispiano ma sono stati arrestati subito dopo dai carabinieri del paese. È accaduto sabato sera. I militari hanno sorpreso i due malviventi proprio mentre fuggivano dall’esercizio commerciale con il bottino tra le mani. Intimato l’alt, neanche a dirlo, parte l’inseguimento. I due rapinatori sono saliti a bordo di uno scooter Honda di grossa cilindrata ma, tallonati dall’auto dei militari, hanno abbandonato la moto fuggendo a piedi. Uno dei due carabinieri è riuscito a placcare il primo delinquente: si tratta di Daniele Ble, 32enne, tarantino di Paolo VI, con precedenti specifici per rapina. il trenaduenne aveva in mano una pistola lanciarazzi con la quale aveva minacciato la cassiera. Il secondo rapinatore è stato rintracciato due ore dopo grazie alla collaborazione tra i carabinieri dell’Aliquota Operativa di Massafra e quelli del Radiomobile di Taranto. I carabinieri conoscendo Ble sono riusciti dopo pochissimo a risalire al suo vicino di casa. i militari, infatti, aspettavano il ventottenne Sergio Romano proprio nei pressi di casa sua sempre al quartiere Paolo VI.
I due, dopo le consuete operazioni, sono stati accompagnati in carcere. Una parte del bottino era stato recuperata al momento dell’arresto di Ble, l’altra parte, invece, è stata recuperata domenica mattina dopo un sopralluogo più accurato nelle vie vicine al supermercato. In totale si trattava di mille euro.
sabato sera, intanto, altre rapine sono state messe a segno a Taranto e provincia. A Sava tre malviventi hanno sorpreso nel sonno un’anziana di ottantuno anni portandole via ben quattromia euro che aveva riposto nel comodino della camera da letto.
Ed ancora a San Marzano di San Giuseppe tre persone a volto coperto da copricapo e sciarpa, di cui due armati di fucile e pistola, hanno fatto irruzione all’interno di una tabaccheria-ricevitoria e, minacciando la proprietaria, hanno portato via mille euro in contanti, alcuni biglietti “gratta e vinci”, scappando poi su un’auto condotta da un complice.
Il momento storico che si vive, purtroppo, favorisce il proliferare di questo fenomeno delinquenziale. E’ sempre più diffusa la tipologia della rapina “mordi e fuggi”, che si consuma in pochissimi secondi senza che la vittima si renda conto di ciò che accade. La prevenzione è molto importante in questi casi, ma non è il solo metodo di contrasto. I servizi antirapina con colori d’istituto e in abiti civili da parte dell’Arma sono aumentati, quasi triplicati. Ecco perché si riesce, nonostante la grossa difficoltà operativa, ad arrestare in flagranza di reato. Per giungere ad un risultato più soddisfacente, però, è importante che sia compreso il concetto di sicurezza partecipata, in cui anche il cittadino contribuisca, ad esempio, con sistemi di protezione passiva tipo le videosorveglianze, molto utili nelle indagini volte all’identificazione dei responsabili.
Proprio a proposito di indagini, sabato è stata eseguita un’ordinanza di custodia cautelare a carico di un minore di San Marzano di San Giuseppe da parte dei carabinieri. Il sedicenne è accusato di aver commesso una rapina ad una 85enne lo scorso 11 febbraio.

Annunci

Pubblicato il 4 marzo 2012, in Cronaca, Provincia con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: