Sala: “Torniamo a fare politica”

“Per due lunghi giorni – quelli del Congresso provinciale del PdL – ho “ascoltato”. Ho ascoltato gli umori dei tanti iscritti al partito giunti da tutta la provincia e, veramente una risposta straordinaria, quelli dei tanti iscritti tarantini che hanno affollato i seggi; ho ascoltato i giovani che hanno legittimamente voglia di fare politica e di ottenere nel partito gli spazi democratici per farlo; ho ascoltato il desiderio forte di tutti di riprendere in mano l’amministrazione di Taranto e dei comuni che andranno al voto tra due mesi; ho ascoltato la voglia di rinnovamento della base, capace di suffragare una donna alla sua prima esperienza politica – Annalinda Romano – eleggendola in direzione provinciale.
Ringrazio tutti costoro per avermi arricchito dei loro consigli ed esperienze; era giusto attendere questo importante momento di confronto con la base prima di iniziare a discutere di programmi e candidature: se non lo avessimo fatto avremmo dimostrato di essere un partito verticistico e lontano dalla gente, con una ristretta nomenklatura che decide tutto per tutti. Così, assolutamente non è!
Ora inizia la fase più difficile: dopo aver recepito le legittime istanze della base, bisogna armonizzare le stesse in un contesto più ampio.
Ho sempre pensato che una città, capoluogo o non capoluogo, grande o piccola che sia, non possa essere considerata come avulsa dal contesto in cui si colloca, politicamente e geograficamente. Intorno a noi stanno accadendo cose importanti di cui non possiamo non tenere conto. L’amministrazione guidata da Ezio Stefano, di contro, ha relegato Taranto in una condizione di isolamento totale: emarginata dal Governo Regionale, Nazionale e, addirittura, in più e più circostanze, anche da quello Provinciale.
Ma, ovviamente, non potevamo aspettarci di meglio!
Il Sindaco Stefano, a Taranto, è speculare al suo nazionale leader di partito Niki Vendola: il basso profilo politico e l’operato di entrambi è sotto gli occhi di tutti!
In realtà territoriali a noi limitrofe – geograficamente, politicamente e culturalmente – da ultimo è stato posto il primo passo di un più ampio percorso che deve interessare tutta la Puglia, per costruire un progetto politico di centrodestra forte e alternativo alla sinistra. Sono state dismesse le inutili e sterili polemiche che in passato hanno generato divisioni e ritrovate le ragioni dello stare assieme, ripartendo dai valori e dell’impegno comune per il Territorio.
Da questo modo, positivo e propositivo, di interpretare la politica dobbiamo ripartire anche noi per allargare – in tutte le realtà del nostro Territorio – il dialogo a tutte le forze politiche interessate a costruire una reale alternativa alla sinistra che molto male governa la nostra città e, più in generale, presentarci con una coalizione credibile ove si vota.
È arrivato il momento di aggregare e costruire, non più quello di dividere e sfasciare, ovvero, è arrivato il momento di tornare a fare Politica”.

Annunci

Pubblicato il 1 marzo 2012, in Politica con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: