Rapina in banca, arresto lampo dei carabinieri

La pistola usata per la rapina

Braccato ed arrestato nel giro di un’ora il rapinatore che all’ora di pranzo ha messo a segno una rapina in banca a Taranto. Paura in città proprio all’ora di punta per il conflitto a fuoco nato tra il malvivente ed i carabinieri, l’uomo è stato raggiunto da tre colpi alle gambe ed alla mano esplosi dai militari che si sono visti puntare contro un’arma da fuoco. In manette per possesso di arma da fuoco e rapina a mano armata è finito Fausto Balestieri, 43 anni, già noto alle forze dell’ordine e in affidamento in prova ai servizi sociali. L’uomo è stato trovato poco dopo in casa di alcuni parenti in via Leonida e poi portato in ospedale dove è piantonato in stato di arresto. Tutto è accaduto in 40 minuti. Il malvivente, intorno alle 13, con il volto coperto da cappellino e scaldacollo, armato di una  riproduzione di una pistola calibro 9 priva del tappo rosso, ha fatto irruzione nella filiale del Banco di Napoli di via Orazio Flacco, nelle vicinanze di via Cesare Battisti. L’uomo ha intimato agli impiegati di consegnargli quanto contenuto nelle casse. Nell’attesa che una delle casse temporizzate si aprisse, ha rapinato anche gli stessi dipendenti dell’istituto di credito, e poi è fuggito portando via la somma totale di 5mila euro. E’ scappato a piedi ma è stato intercettato da una pattuglia dei carabinieri allertata da una chiamata al 112 fatta da una cittadina. Immediatamente è iniziato l’inseguimento, prima a piedi fino a via Viscardi, dove Balestieri aveva parcheggiato la Fiat Punto utilizzata per mettere a segno il colpo, e poi in auto. Prima di fuggire in macchina, l’uomo ha puntato l’arma contro i militari che hanno reagito esplodendo dieci colpi di pistola in direzione della fiancata sinistra. Gli investigatori stanno ancora accertando se, durante la sparatoria, sia partito un colpo anche dalla pistola del rapinatore. Ingranata la marcia Balestieri è riuscito a guadagnare la fuga, l’auto però, anche grazie all’aiuto dell’elicottero della Guardia di Finanza che si è alzato in volo alla ricerca del rapinatore, è stata trovata parcheggiata in via Oberdan proprio all’angolo con via Leonida.

La Fiat Punto ritrovata in via Oberdan

L’uomo è stato trovato dai parenti. Recuperata la pistola nascosta in macchina. Per ora i militari non hanno ancora ritrovato il bottino. Balestieri è stato ricoverato nel reparto di chirurgia per le tre ferite d’arma da fuoco riportate: una alla coscia destra, una al ginocchio sinistro ed una alla mano sinistra. L’uomo non corre pericolo di vita, se la caverà in 40 giorni. I militari stanno ora accertando se l’uomo abbia agito da solo o con l’aiuto di alcuni complici.

Annunci

Pubblicato il 3 febbraio 2012, in Cronaca con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: