STORIE DI PRECARIETA’ AL TEMPO DELLA CRISI. La CGIL e il Movimento dei Giovani NON + venerdì alla Facoltà di Economia raccontano il futuro visto dai precari

Ci sarà il mondo della ricerca, quello dei giovani imprenditori, l’universo del finto lavoro autonomo con collaborazioni occasionali, a progetto e finte partite IVA, l’esperienza dello stagista trattato da servitore, lo studente o il dipendente del call center, sino alla storia dell’operatrice di pace che dopo un percorso di studio straordinario e un importante scelta di vita si vede ripagata da una precarietà al limite dell’indecenza.
Saranno queste le storie che faranno da filo conduttore all’iniziativa che il prossimo venerdì 18 novembre (inizio ore 9.30), la CGIL di Taranto e la rete di associazioni e movimenti dei Giovani NON + ha inteso organizzare riunendo istituzioni, mondo politico e associativo e appunto la frontiera dei giovani precari all’interno dell’Auditorium della II Facoltà di Economia dell’Università tarantina in Via Lago Maggiore angolo via Ancona.
Nei giorni della recessione e della discussione sul debito e sulla necessaria ripresa torniamo su temi per cui siamo stati antesignani – spiega Filomena Principale, della segreteria CGIL Taranto – proponendo l’uscita dalla precarietà come misura anticiclica rispetto alla crisi e allo sblocco dei consumi.
Una linea di conduzione maturata all’interno della CGIL e all’interno del movimento dei giovani venuto allo scoperto lo scorso 9 aprile con una manifestazione dal titolo emblematico “Il nostro tempo è adesso”.
E il tempo dei giovani tarantini suona l’ora del confronto aperto.
Nell’auditorium della Facoltà di Economia infatti ci saranno anche gli industriali con il loro rappresentante della sezione Giovani, Paolo Campagna, l’Assessore provinciale al lavoro e alla Formazione, Luciano De Gregorio, l’Assessore regionale al Welfare, Elena Gentile e il mondo dell’università e della scuola con il Preside della II Facoltà di Economia, prof. Bruno Notarnicola e i rappresentanti delle altre facoltà tarantine e degli Istituti superiori Archita, Liside e Pacinotti.
L’appello di Napolitano allo stare uniti per tentare di affrontare la crisi assieme non è dunque caduto nel vuoto, almeno a Taranto, dove la piattaforma per contrastare la precarietà predisposta dal Movimento dei Giovani NON + ha già studiato alcune proposte per l’uscita dalla crisi.
Cambia anche la formula del confronto – spiega Lucia La Penna, responsabile del Dipartimento Politiche Giovanili della CGIL di Taranto – le testimonianze che raccogliamo sotto forma di video raccontano storie di precariato diffuso ma esaltano anche il momento della proposta. E sono tutte proposte facili e attuabili ai diversi livelli – dice ancora La Penna – ecco perché proviamo a creare con venerdì con una prima rete condivisa di percorsi e prospettive per il territorio che vanno dalla scuola, alla formazione, sino allo sbocco nel mondo del lavoro.
Le conclusioni dell’iniziativa saranno affidate a Vera Lamonica della Segreteria Nazionale CGIL.
Nel corso dell’iniziativa saranno proiettati anche due cortometraggi ispirati al mondo del lavoro e del precariato in particolare, frutto del proficuo rapporto di collaborazione avviato dalla CGIL tarantina con il Festival di Cortometraggi “Vicoli Corti” di Massafra.
L’apertura sarà affidata al lavoro d’animazione del regista Olmo Cerri “Dati Sensibili”. In chiusura spazio, invece, al corto “One Shot” del regista Ivan Saudelli: lavoro commissionato dalla CGIL di Taranto per rappresentare la Sezione Lavoro nell’ambito del Festival massafrese. (Fonte: Comunicato stampa)

Annunci

Pubblicato il 16 novembre 2011 su Lavoro. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: